"...l’impiego dei Digital Media muta da artista ad artista, dove l’equilibrio di immagini ready-made si esemplifica in forme visive e/o verbali al servizio di documentare la fenomenologia (riflesso tra arte, politica, scienza, tecnologia) e l’antropologia. Lo hanno ai nostri giorni, artisti come LaChapelle (nella fotografia), Rotella (nei décollage) e tanti altri, che dall’immagine, sono riusciti a comprendere l’importanza di costruire storie che potessero parlare delle impronte per una civilizzazione ed evoluzione sull’umanità."

Gabriele Romeo, Critico e Storico dell'Arte

curatore Padiglione Bolivia 57° edizione

Biennale d’arte di Venezia 2017

lossless-page1-1200px-Art.sylogo_2.tiff.

 Web Concept: Design agency  Staniscia Filippo -  p.Iva 01138520059

PR-838-Digigraphie.jpg